Campiglia5Stelle

Vai ai contenuti

Menu principale:

Attività Consiliare > Mozioni > 2015
Campiglia Marittima, 23 dicembre 2014

Alla Attenzione
Sindaco del Comune di Campiglia Marittima (LI)

Segretario Comunale del Comune di Campiglia M.Ma (LI)


MOZIONE


OGGETTO:
VERSO RIFIUTI ZERO-PROGETTO "RACCATTA LA CARTA



PREMESSO CHE:



Il progetto "Raccatta la carta" è un’iniziativa avviata nel 2012 dal Comune di Capannori, attuata per raggiungere l'obiettivo "Rifiuti Zero", che presenta una doppia valenza innovativa in campo ambientale ed educativo.

Si rivolge agli alunni e alle famiglie delle scuole dell'infanzia, primarie e secondarie del territorio. I bambini e i ragazzi portano a scuola il giornale del papà e la rivista della mamma anziché buttarli nel cassonetto della raccolta differenziata. La scuola raccoglie e rivende direttamente il materiale così raccolto attraverso la partecipazione delle famiglie.




VISTO
CHE:




La fattibilità di questo progetto è garantita a livello legislativo del comma 6 dell'art 7 del D Lgs 205 2010: "Al fine di favorire l'educazione ambientale e contribuire alla raccolta differenziata dei rifiuti, i sistemi di raccolta differenziata di carta e plastica negli istituti scolastici sono esentati dall'obbligo di autorizzazione perché presentano rischi non elevati e non sono gestiti su base professionale".





CONSIDERATO CHE:

Il progetto si pone quali obiettivi:

-Finanziare i costi degli acquisti che di norma ricadono sulle famiglie col ricavato della vendita della carta: tutti sappiamo che una o più volte l’anno è richiesta ai genitori di contribuire comprando materiali vari di consumo che la scuola, ma soprattutto il Comune, non riesce più a garantire;

-Educare i cittadini di domani alla cultura del riciclo, del recupero e del riuso. E' importante coinvolgere le nuove generazioni e la scuola per diffondere i principi di una nuova cultura civica basata sullo stop agli sprechi. Grazie a questo progetto i bambini diventano consapevoli delle buone pratiche "verdi", avendo un riscontro concreto delle loro azioni: sapere che un gioco, un attrezzo, o un dvd è stato acquistato grazie alla carta che loro stessi hanno riciclato li stimola a essere sempre più virtuosi e a insegnare agli altri, anche crescendo, quanto hanno imparato;

-Coinvolgere i bambini, famiglie, scuole e Comune in un progetto semplice, concreto e sostenibile, si raccolgono giornali, riviste,posta indesiderata,cartoni,fotocopie venute male,imballaggi delle merende,che vengono trasformati in attrezzatura didattica. La carta raccolta è inserita in appositi contenitori e periodicamente ritirata da operatori che provvedono a pesarla con una bilancia e a rivenderla. Il ricavato è quindi dato alle scuole;

moltiplicare gli effetti della raccolta differenziata. Il Comune o gli enti designati, ricavano già del denaro dalla vendita di materiali riciclati dalle famiglie. Nessuno però ha un ritorno diretto dalla quotidianità della raccolta differenziata. Attivando il progetto "Raccata la carta”, s’innesca un circolo virtuoso d’incentivo al riciclo, determinato dal ritorno diretto alle famiglie di quest’operazione. I vantaggi per la natura sono tangibili: ogni 70 kg di carta recuperata salverà un albero dall'abbattimento; -Evidenziare la valenza dei rifiuti come risorsa, un bene prezioso in tempo di crisi: vendere la carta raccolta in bidoni dei differenziati dedicati e personalizzati per acquistare materiale didattico. Grazie al progetto "Raccatta la carta" gli istituti coinvolti potranno contare su una risorsa in più, un’opportunità consentita da una legge nazionale scarsamente valorizzata.
.

SI IMPEGNA LA GIUNTA E IL SINDACO:

1 A selezionare un piccolo gruppo d’istituti in cui sperimentare l'iniziativa;

2 A far precedere l'avvio del progetto da una serie di lezioni teoriche e pratiche in cui gli attori del progetto spieghino a bambini, ragazzi e genitori le finalità ed il funzionamento dell'iniziativa.



                                 Daniele Fioretti                                             Cristina Chesi


Firma autografa sostituita a mezzo stampa ai sensi dell'art.3, comma 2, del Decreto Legislativo n. 39 del 1993

Torna ai contenuti | Torna al menu